Itinerari d'autore Ravenna

Itinerari d'autore Ravenna

Guide turistiche a Ravenna e in provincia. Itinerari d'autore che, sulle orme di grandi personaggi come Dante, Teodorico, Gioacchino Rossini, Giuseppe e Anita Garibaldi, conducono alla scoperta di interessanti luoghi della Romagna.

Itinerari d'autore - Guide turistiche Ravenna

Dante Alighieri Itinerari Ravenna

Dante Alighieri

Dante Alighieri trovò a Ravenna l’ultimo e più saldo rifugio durante le peregrinazioni del suo esilio. Visse a Ravenna per circa dieci anni, fino alla sua morte nel 1321. Proprio a Ravenna vide quindi la luce la sua opera più bella, e forse la più grande opera di poesia mai scritta dall’umanità: il Paradiso. 

L’itinerario alla scoperta dei luoghi danteschi a Ravenna deve cominciare dal sepolcro monumentale del Sommo Poeta. Accanto ad esso si trova la struttura del Centro Dantesco dei Frati Minori Conventuali, all’interno della quale si custodiscono importanti documenti e risorse bibliografiche. Fa parte del complesso anche il Museo Dantesco.

L’itinerario può proseguire con due esperienze di grande suggestione, legate alla poesia di Dante. È possibile visitare il Mausoleo di Galla Placidia con lo scopo di ammirare la grande croce di stelle disegnata dai mosaici della volta, che forse fornì l’ispirazione per le tante visioni stellate del Paradiso (in particolare la croce di Paradiso 14). È possibile inoltre recarsi fuori Ravenna per una passeggiata nella Pineta di Classe, da Dante paragonata al Paradiso Terrestre nel canto 28 del Purgatorio.


Teodorico Visitare Ravenna Teodorico il Grande

Teodorico, leggendario re degli Ostrogoti, superò le Alpi e discese in Italia nel 488 d.C. Dopo cinque anni di battaglie riuscì a sconfiggere Odoacre e a diventare sovrano dei territori che furono dell’Impero Romano d’Occidente. La capitale del suo regno, come noto, fu Ravenna. 

Durante il periodo del suo governo Teodorico arricchì la città di bellezze e monumenti, dimostrando grandi capacità politiche e notevole lungimiranza. Oggi è possibile all’interno del centro storico di Ravenna vedere tanti monumenti che ricordano Teodorico e la sua storia. 

L’itinerario può cominciare dal Battistero degli Ariani, ricco di mosaici, costruito durante la dominazione di Teodorico che era di confessione ariana. A pochi passi dal battistero si può vedere la splendida Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, la cui costruzione iniziò sotto il regno del sovrano. Sulla parete di destra della navata centrale si ammira il celebre mosaico che raffigura il Palazzo di Teodorico.

Sempre nel centro storico si possono vedere i resti di un edificio di antica origine, per tradizione ritenuto l’antica residenza di Teodorico. Ultima tappa dell’itinerario, subito fuori dal centro storico, è il magnifico Mausoleo di Teodorico, imponente costruzione eretta dal sovrano per custodire le sue spoglie.


Anita Geribaldi Ravenna ItinerariGiuseppe e Anita Garibaldi

Dopo la caduta della Repubblica Romana, nel 1849, Giuseppe Garibaldi, braccato dagli austriaci, fu costretto ad una lunga fuga che ebbe i suoi più tragici e memorabili momenti nella pineta di Ravenna, tra le Valli di Comacchio e la Pialassa della Baiona. Proprio qui, in una piccola località chiamata Mandriole, trovò la morte Anita, che aveva deciso di seguire il marito in ogni sua impresa.

Oggi è possibile vedere tanti luoghi di quella lunga e tragica trafila. Lasciando Ravenna sulla Strada Statale Romea si può raggiungere Mandriole per vedere il Cippo di Anita, monumento eretto nel luogo sul quale la giovane donna venne inizialmente seppellita. Si può inoltre visitare la Fattoria Guiccioli, nella quale Anita morì. Nella fattoria è allestita un’esposizione e si conserva il letto sul quale Anita, assistita da Garibaldi, esalò i suoi ultimi respiri.

Nel cimitero di Mandriole si trova il Sacello di Anita, nel quale Garibaldi in persona fece trasferire i resti della moglie nel 1859. Le spoglie della donna vi rimasero custodite fino al 1932, anno della loro definitiva traslazione nel monumento funebre del Gianicolo a Roma. L’itinerario può concludersi nei pressi della Pialassa della Baiona con una visita al Capanno Garibaldi, mitico rifugio utilizzato dal grande condottiero durante la fuga.


Rossini Lugo Itinerari RavennaGioacchino Rossini 

Gioacchino Rossini visse a Lugo di Romagna dal 1802 al 1804, in un importante periodo della sua infanzia durante il quale, frequentando la Scuola dei Canonici Malerbi, imparò i “primi principi di suono e di canto” e venne a conoscenza dei repertori della nuova musica europea.

Durante una visita di Lugo si possono oggi vedere tanti luoghi che ricordano il periodo trascorso in città dal grande compositore. Si possono vedere in particolare la casa in cui visse, la Villa Malerbi e la casa di famiglia dei Rossini, nella quale è allestita un’esposizione con vari ricordi e oggetti. Nella chiesa del Carmine si trova ancora oggi un magnifico organo settecentesco sul quale è provato che il giovane Rossini si esercitasse con passione.

Gli studiosi di Rossini potranno aggiungere al loro itinerario una visita alla Biblioteca Trisi, dove si conservano importanti autografi del compositore. Ultima tappa sarà, nella Rocca Estense, la visita del cosiddetto Salotto Rossini, dove sono esposti un ritratto del compositore, un ritratto dei suoi familiari e una sua lettera autografa.
Hotel consigliati
Hotel Trafalgar
Rivazzurra
***
Hotel Bravo & Condor
Cesenatico
***
Camping
Cesenatico
Offerte Estate '15
Hotel Ali D'Oro
Rivazzurra
***Sup
Hotel Tilmar
Rimini - Marina Centro
***Sup
Hotel Daniel's
Riccione
***sup
Hotel Riviera
Igea Marina
***
Hotel Alexandra
Misano Adriatico
***
Hotel Commodore
Cervia
***
Hotel Metropolitan
Milano Marittima
****
Hotel De La Ville
Cesenatico
***
Bambini Gratis
Dolci Hotels ****
ALL INCLUSIVE
Hotel Royal Plaza
Rimini - Marina Centro
****
Hotel Clitunno
Misano Adriatico
***
Hotel Sunset
Rimini
****
Hotel Consul
Riccione
***
Hotel Mirage
Viserba
***
Hotel Mamy
Bellariva
**